Home  
sabato 25 novembre 2017
Firma il Guestbook
Benvenuti
benvenuti2 bienvenue2 welcome2 willkommen2 bienvenidos2
Menu principale
Home
L'Autore del Portale
Lo Staff Campanaelefante
Collabora anche tu
Contattaci
Guestbook
Avvisi agli utenti
Collegamenti web
Fotogallery
Videogallery
Cerca
Download
Imposta come Homepage
 Aggiungi ai Preferiti
 Imposta come Homepage
Utenti Online

Random Flickr Images
Area Informativa
Comune di Campana (CS)
Asmenetcalabria
 
Articoli più recenti
Ultimi commenti
Random Fotogallery

Centro Storico

Centro Storico

Via Bizantina, Canyon e Fiume Nica

Centro Storico

Campana e il Territorio di Oggi

Centro Storico

Torre dell'Orologio

Via Bizantina, Canyon e Fiume Nica

Campana e il Territorio di Oggi

Campana e il Territorio di Oggi

Via Bizantina, Canyon e Fiume Nica

Campanesi

Incavallicata - L'elefante di Campana

Centro Storico

Campanesi
Archivio Articoli
archivio
Giornali del Sud
giornalidelsud
Tg3 Calabria
telegiornale
Campanaelefante premiato
sito_premiato  
Pubblicità
 newagricalannounce
autoscuola___migliarese
 
lagardenia
conad_campana
Ricette
Il Browser più adatto
Questo  Portale è stato ottimizzato per i browser Firefox e Internet Explorer 7
firefox3
ie7
Your IP
Dein System:

Deine IP: 54.145.124.143
Dein ISP: amazonaws.com
Visitor Stats
Advertisement
Dialetti tra Linguistica e Tradizioni - Associazione Culturale Calabrese E-mail
Scritto da Associazione Culturale Calabrese   
Dialetti tra Linguistica e Tradizioni - Il dialetto è veramente una lingua morta? L’Associazione Culturale Calabrese di Cinisello Balsamo ha organizzato il  19 giugno 2010 una “Tavola rotonda” sul valore del dialetto con la presentazione di un libro-dizionario della Casa Editrice Iiriti “Dialetti tra linguistica e tradizione”.
 

Hanno presenziato, oltre alle autorità istituzionali locali, il Presidente Dott. Pantaleone Paparo, il giornalista-scrittore de “Il giornale” Felice Manti,  Leo Iiriti Editore e Andrea Scala, docente di linguistica generale dell’Università degli Studi di Milano. Curatore dell’evento il vice Presidente Gerardo Gatto. Moderatrice del dibattito Antonella Chirico.

Il professore ha dimostrato una capacità straordinaria verbale, semplificando con un codice di trasmissione verbale che si è avvalso di espressioni dialettali diverse, di far capire come nella linea del tempo, la trasformazione della parola abbia subito gli influssi delle interferenze dovute all’ambiente di origine ed alla comunicazione orale. Il dialetto ha delle attribuzioni connotative ben precise che racchiudono, nel significato di una parola, le caratteristiche di un oggetto o di una situazione in tutta la sua complessità. Ha inoltre il valore aggiunto di rappresentare un mezzo di comunicazione originale e fedele della tradizione locale e di essere legato strettamente alla cultura natale. Rievoca le immagini lontane del racconto popolare, delle filastrocche, delle favole, dei proverbi che racchiudono la saggezza e la semplicità rurale priva degli orpelli eruditi che rendono spesso i codici di comunicazione incomprensibili. In una sola parola viene espresso un concetto, nella fonetica si inserisce un sentimento, un’emozione, un ricordo, tutta l’intonazione e le cadenze di un territorio. Il dialetto resta quindi il mezzo di comunicazione più intimo ed emotivo perché nasce dalla voglia di creare un rapporto più ravvicinato con l’interlocutore, un modo per affermare la propria appartenenza, una distinzione attraverso termini omologati. E’ necessario quindi riaffermare il valore storico di questa espressività conservandone l’originalità perché rappresenta le radici più vere e peculiari del luogo di appartenenza.

Alla fine dell’incontro ognuno dei presenti è ritornato a casa con la consapevolezza di avere appreso, oltre ad una conoscenza specifica, dettagliata ed erudita di un esperto in linguistica, nozioni sulle origini e sull’evoluzione del dialetto, il valore che deve assegnare al proprio patrimonio linguistico nella geografia comunicativa nazionale perché, trascurandolo e non trasmettendolo alle nuove generazioni, rischia di dimenticare le origini. Il dialetto come strumento di identità ma anche come legame di cultura e di tradizione fra passato e presente, come diversità ma anche veicolo di unione e integrazione per uno scambio comunicativo che permette di scoprire che la parola non è soltanto voce ma anche sentimento, emozione, storia. Un vocabolo dialettale rievoca, attraverso lo specchio della memoria che sbiadisce ma non cancella i suoni, i sapori, gli odori, la sensibilità, gli stati d’animo di piccole comunità che hanno saputo fare della necessità virtù, della povertà tradizione, della parola un mezzo di comunicazione espressivo che la lingua colta e forbita non è riuscita a superare perché la forma è strumento esteriore e non può sostituire il significato profondo che nasce dalla semplicità e dalla purezza emotiva.

Carolina Tallarico

 

Articolo gentilmente concesso da Associazione Culturale Calabrese

Pubblicazione a cura di Carmine Petrungaro - Campanaelefante.com

 
< Prec.   Pros. >
Ora e Data
Fuso Orario
I giorni in campanese
Sabato - Sabbitu
Meteo di Campana
Alba e Tramonto
08:0212:5417:46
Comune di Campana (CS)
AC Campana Calcio

 
Campana - Calopezzati 6:0 Dom. 19 marzo 2017. - Ultime due Partite: Fedula Sport E Social - Campana 3:4 Dom. 26 marzo 2017... Campana - Torretta 0:0 Dom. 2 aprile.
 
Fase Lunare
"Primo quarto"
La Luna  "Primo quarto"
WebCam Camigliatello
webcam
Storia di Campana
storia_di_campana
L'Elefante di Campana
campanaelefante
Vocabolario Campanese
vocabolario_campanese
Fiera della Ronza
Arte & Cultura Campanese
Didattica
didattica
La Campana d'Oro
premio_campana_doro
La Banda Musicale
banda_musicale_2
Libri
libri
Premio Web Master
premio_webmaster_campanaelefante
Amici
lucianobovinaphotographer
luoghi_misteriosi
calabrialogos
giuseppe_lerose
arangara_
salviamocampanaonlus
antonello_tridico
Università della Calabria
Campana (CS) Club