Home  
sabato 21 ottobre 2017
Firma il Guestbook
Benvenuti
benvenuti2 bienvenue2 welcome2 willkommen2 bienvenidos2
Menu principale
Home
L'Autore del Portale
Lo Staff Campanaelefante
Collabora anche tu
Contattaci
Guestbook
Avvisi agli utenti
Collegamenti web
Fotogallery
Videogallery
Cerca
Download
Imposta come Homepage
 Aggiungi ai Preferiti
 Imposta come Homepage
Utenti - Total Users
1325 Registrati
Utenti Online

Random Flickr Images
Area Informativa
Comune di Campana (CS)
Asmenetcalabria
 
Articoli più recenti
Ultimi commenti
Random Fotogallery

Centro Storico

Campana e il Territorio di Oggi

Centro Storico

Torre dell'Orologio

Via Bizantina, Canyon e Fiume Nica

Campana e il Territorio di Oggi

Campana e il Territorio di Oggi

Via Bizantina, Canyon e Fiume Nica

Campanesi

Incavallicata - L'elefante di Campana

Centro Storico

Campanesi

Gli eventi che ci scuotono

Campana e il Territorio di Oggi

Centro Storico
Archivio Articoli
archivio
Giornali del Sud
giornalidelsud
Tg3 Calabria
telegiornale
Campanaelefante premiato
sito_premiato  
Pubblicità
 newagricalannounce
autoscuola___migliarese
 
lagardenia
conad_campana
Ricette
Il Browser più adatto
Questo  Portale è stato ottimizzato per i browser Firefox e Internet Explorer 7
firefox3
ie7
Your IP
Dein System:

Deine IP: 54.166.245.10
Dein ISP: amazonaws.com
Visitor Stats
Advertisement
Giornata commemorativa del Terremoto di Messina e Reggio Calabria del 1908 E-mail
Scritto da Lina Tallarico e Carmine Petrungaro   
giornata_commemorativa_1908 Giornata commemorativa del terremoto di Messina e Reggio Calabria del 1908 - L’Associazione Culturale Calabresi ha commemorato il 13 dicembre 2009 a Cinisello Balsamo (MI), presso Villa Ghirlanda, nella sala dei Paesaggi, l’anniversario del terremoto, che ha distrutto alle ore 5:20 del 28 dicembre 1908 due fra le più belle città d’Italia: Messina e Reggio Calabria. Al convegno e alla cerimonia hanno presieduto e partecipato  personalità istituzionali, S.E. Mons. Luigi Renzo Vescovo della diocesi Nicotera-Mileto-Tropea, Enzo Romeo il giornalista di RAI 2, di origini calabresi, che ha presentato il libro “Ricordi di un dissepolto”, di Michele Calàuti.
 
giornata_commemorativa_1908_2Il libro riporta la testimonianza realistica e cruda e il suo lato emotivamente toccante, del dramma accaduto. Inoltre hanno partecipato il Presidente del Consorzio Associazione Culturale Calabrese Pantaleo Paparo, il Presidente dell’Associazione Agorà Gino Gatto, il Sindaco del Comune di Cinisello Balsamo Angelo Zaninello, l’Assessore alla Cultura Giuseppe Sacco e i rappresentanti dei consolati russo Alexander Grachev e britannico Michael Peasland, dei paesi le cui flotte, in quel momento si trovarono nello stretto di Messina e furono le prime ad accorrere sui luoghi colpiti, per prestare aiuto. I nomi e le gesta di quei uomini restano ancora oggi un esempio di solidarietà e di abnegazione al di là delle barriere giornata_commemorativa_1908_1ideologiche e politiche. La conferenza si è articolata in due parti: nel corso della prima parte sono intervenuti S.E. Mons. Luigi Renzo,  dopodiché si è passati alla presentazione del libro “Ricordi di un dissepolto”, con l’intervento personale di Enzo Romeo, il giornalista di RAI 2. Dopo questa conferenza costruttiva, tesa a riportare alla memoria la testimonianza storica del tragico terremoto, delle vittime e delle gesta degli uomini della flotta russa e britannica che hanno prestato il primo soccorso, che ha suscitato nei partecipanti interesse e commozione, è stata celebrata da Mons. Luigi Renzo in persona, una messa nella chiesa di P.zza Gramsci.
 
Una messa per le giornata_commemorativa_1908_3vittime  di un passato, di cui dobbiamo tenere vivo il ricordo perché si tratta di un pezzo di storia della nostra terra e della nostra gente che è morta tanti anni fa. Dopo la messa, in un’atmosfera stemperata dal clima emotivo, tutti si sono riuniti nel salone “Matteotti”, per la consueta cena di fine anno e nel cui clima si è recuperato lo spirito dei Calabresi, amanti dell’allegria. Complici dell’ironia ruvida e verace erano il cabarettista Rocco Barbaro e il vocalista Silvio Pozzoli e altri gruppi. Si può dire che la manifestazione è riuscita, quasi  che fosse un trionfo della voglia di vivere e di ricostruire non sulla sofferenza, bensì sulla memoria e nel ricordo delle vittime e di una pagina molto amaragiornata_commemorativa_1908_5 giornata_commemorativa_1908_4della storia calabrese. La storia è per gli anziani la malinconia nebulosa e rarefatta del ricordo, mentre per i giovani un monito ad apprezzare il dono prezioso della vita, che in questi tempi è fatta di banalità morali ed è priva di riferimenti significativi. Impariamo tenendo vivo il ricordo del passato della nostra terra e della gente che ha sofferto in e per essa, installeremo nelle nuove generazioni  i principi per costruire una nuova Calabria.
 
Giornata commemorativa del terremoto di Messina e Reggio Calabria, A. D. 1908

A cura di Lina Tallarico e Carmine Petrungaro
 
giornata_commemorativa_1908Alle 5:20 del 28 dicembre 1908 una scossa tellurica di inaudita violenza sconvolse le sponde dello Stretto e ridusse a un cumulo di macerie le città di Reggio Calabria e Messina. Il sisma provocò un’ecatombe. Fu probabilmente la più grande catastrofe naturale italiana dai tempi dell’eruzione del Vesuvio nel 79 d.C. Michele Calàuti (Siderno, 1861-1935) era stato uno degli ultimi poeti romantici, forgiatosi alla scuola del neoclassicismo. A Roma aveva frequentato i più importanti salotti e collaborato con le principali riviste letterarie, insieme a Giosuè Carducci, Luigi Capuana, Edmondo de Amicis, Salvatore Di Giacomo e tanti altri. Tra i suoi amici, il giovane Gabriele D’Annunzio, a cui dedicò più di una lirica. Nel 1908 Calàuti aveva 47 anni e da tempo era tornato nella sua Calabria. In quel periodo alloggiava con la famiglia a Reggio, in un villino di Via Santa Lucia. Un posto incantevole, da dove si godeva un panorama magico. Dopo l’alba funesta del terremoto del terremoto, quel luogo diverrà la tomba della madre e di tre figli. A qualche mese dalla catastrofe, il poeta riprende in mano la penna che aveva riposto nel cassetto da molti anni e scrive un breve e straziante resoconto della propria tragedia familiare, che intitola Lacrymae ovvero Ricordi d’un dissepolto. Pagine in cui si riflette la sciagura di un popolo intero e di una terra tanto bella quanto amara. Il libretto giunse tra le mani dei maggiori uomini di cultura dell’epoca. Tutti ne furono sconvolti, tutti vollero frasi partecipi con una parola, un pensiero, una poesia, una dedica. “Chi sa fare qualche cosa del suo dolore, quello solo merita di esser consolato”, scrisse al Calàuti Matilde Serao. La raccolta che accompagna i ricordi dà l’idea di quale impatto emotivo provocò cent’anni fa in Italia e nel mondo quel terribile terremoto. 

clicca_sul_linkClicca e vai alla fotogallery
 

 
Citata solo Messina e dimenticata Reggio Calabria
 
“Un francobollo nato male che ignora indecorosamente la memoria storica di Reggio Calabria e della sua provincia, trascurando i circa quarantamila reggini e calabresi che persero la vita nel terremoto che nel 1908 ridusse in macerie le due sponde dello Stretto portando distruzione, terrore e morte”. Durissima, in una nota, la presa di posizione del segretario regionale del PdCI, Michelangelo Tripodi, sul francobollo commemorativo emesso lo scorso 3 novembre che ricorda il centenario “del grave lutto che colpì le nostre popolazioni” e che “riportando la dicitura ‘Terremoto di Messina’ anziché quella più corretta, più giusta e logica di ‘Terremoto di Messina e Reggio Calabria’, offende la città e i centri della costa jonica e tirrenica che pagarono un enorme tributo di sangue e di danni materiali”. “Non ci sono parole – spiega Michelangelo Tripodi – per commentare quanto di grave sono riusciti a fare Poste Italiane e il Ministero. La filatelia, infatti, è uno strumento preziosissimo per ricordare e celebrare la storia, la cultura, la vita di un Paese – prosegue Tripodi - ma evidentemente chi ha ideato ed emesso questo francobollo dimostra di ignorare tutto questo. E’ vergognoso cancellare letteralmente Reggio e la sua provincia, ricordando il tragico evento come se avesse riguardato solo la città di Messina. Qualcuno ne deve rispondere e correre subito ai ripari, correggendo l’errore per onorare davvero e fino in fondo la memoria dei caduti e delle vittime di Reggio e degli altri centri della provincia”. Secondo il segretario del PdCI, gravi sono le responsabilità politiche. “Il centrodestra – sottolinea Tripodi – conferma, anche con questi atti che non sono affatto marginali, lo scarso interesse che ha per la città di Reggio Calabria, che viene blandita solo quando si tratta di fare proclami propagandistici, che vengono poi puntualmente smentiti dalla prova dei fatti. Mi domando dov’era il sottosegretario Paolo Romani di Forza Italia, al quale il ministro Scajola anche lui di Forza Italia ha conferito la delega alle comunicazioni, quando è stato realizzato questo obbrobrio che ignora il dolore di un’intera comunità. Così come mi domando dov’erano e dove sono il Sindaco e la Giunta di Reggio Calabria, i parlamentari reggini e calabresi del centrodestra, i comitati nazionali e locali che stanno organizzando gli eventi per le celebrazioni del centenario”. Michelangelo Tripodi, che si unisce alla protesta dell’associazione reggina Anassilaos che ha invitato tutte le altre associazioni e i cittadini “a boicottare il francobollo non usandolo per la corrispondenza”, non usa mezzi termini. “A nome di tutti i reggini e calabresi indignati per quanto di grave è stato fatto e a nome della storia tradita - conclude il segretario regionale del PdCI – chiedo alle autorità competenti di correre subito ai ripari. Il francobollo deve essere immediatamente annullato e ristampato con la dicitura ‘Terremoto di Messina e Reggio Calabria’ in modo da rendere dovuto omaggio a tutti i reggini e ai messinesi che hanno perso la vita a causa di quel tragico evento che ha portato tanto dolore e morte tra le due sponde dello Stretto che meritano entrambe uguale e dovuto rispetto”.
Fonte: Il Corriere del Sud
 

I filmati di questo evento seguiranno nei prossimi giorni 

 
 I miei più sentiti complimenti al Consorzio dell’Associazione Culturale Calabrese per questa conferenza organizzata in maniera impeccabile e sentiti ringraziamenti per l’invito a partecipare, per poter realizzare questo piccolo reportage.

Carmine F. Petrungaro
 
Campanaelefante.com 
 
< Prec.   Pros. >
Ora e Data
Fuso Orario
I giorni in campanese
Sabato - Sabbitu
Meteo di Campana
Alba e Tramonto
07:2412:5218:20
Comune di Campana (CS)
AC Campana Calcio

 
Campana - Calopezzati 6:0 Dom. 19 marzo 2017. - Ultime due Partite: Fedula Sport E Social - Campana 3:4 Dom. 26 marzo 2017... Campana - Torretta 0:0 Dom. 2 aprile.
 
Fase Lunare
"Crescente (falce)"
La Luna  "Crescente (falce)"
WebCam Camigliatello
webcam
Storia di Campana
storia_di_campana
L'Elefante di Campana
campanaelefante
Vocabolario Campanese
vocabolario_campanese
Fiera della Ronza
Arte & Cultura Campanese
Didattica
didattica
La Campana d'Oro
premio_campana_doro
La Banda Musicale
banda_musicale_2
Libri
libri
Premio Web Master
premio_webmaster_campanaelefante
Amici
lucianobovinaphotographer
luoghi_misteriosi
calabrialogos
giuseppe_lerose
arangara_
salviamocampanaonlus
antonello_tridico
Università della Calabria
Campana (CS) Club