Home arrow Videogallery arrow Campana e la sua Gente arrow Una Giornata con Zio Giovanni  
domenica 25 giugno 2017
Firma il Guestbook
Benvenuti
benvenuti2 bienvenue2 welcome2 willkommen2 bienvenidos2
Menu principale
Home
L'Autore del Portale
Lo Staff Campanaelefante
Collabora anche tu
Contattaci
Guestbook
Avvisi agli utenti
Collegamenti web
Fotogallery
Videogallery
Cerca
Download
Utenti Online
Abbiamo 1 visitatore online

Visitor Stats
Una Giornata con Zio Giovanni E-mail
Scritto da Carmine Petrungaro   
 Una Giornata con Zio Giovanni - "Oji c'hamu patutu" - Siamo in inverno, è il 29 dicembre 2008 in una normale serata davanti al focolare. Il mio cellulare squilla: è zio Giovanni, detto “u gattu” che mi chiama. Non proprio mio zio, ma a Campana e altri paesi limitrofi è consuetudine chiamare gli anziani con l’appellativo “Zio”, il che conferisce rispetto alla persona matura, da parte dei giovani. Zio Giovanni Benevento. La sua voce è quella di una persona pacata, ma in realtà si tratta di una persona  di tempra, di mille avventure culturali e canti popolari molto divertenti.

Un uomo dedito alla zootcnica. Un agricoltore di vasti terreni e allevatore di bestiame di ogni razza e stazza. Zio Giovanni ha un piccolo casale arroccato sulle colline di “Torracca”, un territorio presso Campana (CS), conosciuto per il suo clima molto mite e per i suoi uliveti. La chiamata sul cellulare è riferita all’appuntamento presso la sua tenuta di Torracca, per fare un paio di riprese dei suoi canti popolari, con intervista in forma di filmato. Zio Giovanni è impaziente: “Carminù, cà dhumani ni vidhimu vicinu u canaditthju eh Turracca, e facimu na cosa speciale...na bella scena…oji c‘hamu patutu”.

 Così ci diamo appuntamento in mattinata, per il giorno dopo. Quando arrivo a Torracca sul posto concordato, trovo zio Giovanni ad aspettarmi sul lato della stradina di campagna, che mi fa notare che sono una persona puntuale e precisa. Mentre lo ringrazio per questo complimento, do uno sguardo alle mandrie di capre, che si vedevano e udivano da lontano, per le grosse campane che portano al collo. A qualche centinaio di metri, più in là, pascola la mandria delle sue mucche. Anche loro, pacifiche e rumorose, mentre si spostano lentamente da un cespuglio di erba all’altro. Mi sento come una cicala, che è venuta a curiosare nella vita di una formica laboriosa e mentre mi passa questo pensiero per la mente, penso al brano musicale “La formica e la cicala” dei Calabria Logos. Zio Giovanni salta il filo spinato della sua tenuta, si avvia verso le macchie e raccoglie le sue capre per spostarle vicino alla mucche. Dice: “Carminù, tu aspettime cca, ca eccussì facimu na bella scena….oji c’hamu patutu”. Poi si posiziona in modo tale che nella prospettiva del mio obbiettivo si vedono pure le capre. Così mi fa sentire uno dei suoi canti, scritti tutti da lui. L’esordio con “U crapariellu malandrinu”. “Ottima scena” gli dico. “Oji, c’hamu patutu” risponde lo zio, che in italiano vorrebbe dire più o meno “o povero me” o “ma guarda te, cosa mi è dovuto capitare”. Così, raccontando della sua vita e dei suoi canti e filastrocche, ci avviamo verso il suo piccolo casale, arroccato sulle colline di “Torracca”. Là scoprirò un’altra mandria, ma di maiali e di ogni razza e colore. Sono stupefatto e mi sembra di fare una gita in un’azienda agrituristica. I maiali accorrono da ogni dove, quando zio Giovanni li chiama con un suo verso particolare. Il casale è stato appena ristrutturato. E’ una struttura solida che ospita anche un lettino, per i casi d’emergenza e le intemperie. Spesso, in un remoto passato, però tali dimore si riducevano a semplici ricoveri formati da tettoie sostenuti da muratura su un lato e da pilastri di pietrame sull'altro dove i pastori dormivano e lavoravano il latte. Ma i tempi sono cambiati. Nel suo caminetto arde un piccolo fuoco. Zio Giovanni comincia a raccontare in forma narrativa i suoi ricordi e gli avvenimenti dal passato di Campana e della sua società. Poi passa ai suoi flauti artigianali, dei quali ne ha una borsa piena, più un organetto. Poi la scena migliore, quando si posiziona davanti alla mandria dei maiali e passa ai suoi canti genuinamente popolari e puramente campanesi,  i quali sono stati scritti tutti da lui. Mentre li canta e intona il suo organetto, si ferma qualche istante per fare un respiro profondo, dicendo “Oji, c’hamu patutu”. E qui però  mi fermo con il mio racconto. Godetevi questa prima puntata, alla quale ne seguiranno altre di belle…in una giornata con zio Giovanni.

Auguro una buona visione a tutti

Carmine Petrungaro

Campanaelefante.com


Parte 1

parte 1 - U crapariellu malandrinu

Parte 2

Parte 2 - Oji cumpari c'hamu patutu

Parte 3

parte 3 - Quantu su belle e fimmine

Parte 4

parte 4 - Dedicata a Maria Laura


 

 

 

Commenti
Nuovo Cerca
admin  - re: Benevento   |2009-05-30 10:13:21
Romeo ha scritto:
Bravo Petrungaro, mi hai fatto venire una forte nostalgia del mio paese complimenti, mi
sono venuti ricordi della mia adolescenza, pasata dai nonni nelle proprietÓ di un
cento Passavanti.
bravo, buona fortuna.

Caro Romeo, grazie per i complimenti. E come non potevo pensare allo zio Giovanni? Lui Ŕ
una testimonianza unica. Seguiranno altre puntate di questa miniserie. Ci manchi da
molto tempo a Campana? Grazie per la tua partecipazione al sito. Continua a seguirci.


Carmine
admin  - re:   |2015-04-18 18:23:10
rossano giancarlo ha scritto:
complimenti bellissimo video sei grande in cambio di niente dai delle emozioni a tutti
grazie mille  


Caro Giancarlo,
grazie di cuore e grazie per la tua partecipazione a questo sito di
noi Campanesi. Citando le tue parole, sul fatto che io do delle emozioni a tutti, in
cambio di niente, con questi servizi in internet, posso risponderti che io la mia
gratificazione la trovo nell'aver fatto un piacere ai miei compaesani. Gi├á il
fatto che tu abbia apprezzato e gustato questo filmato e il sito in generale, ├Ę per
me una gratificazione che mi ricambia del lavoro svolto sul sito, cercando di
diffondere l'immagine di Campana nel mondo. Cari saluti a tuta la famiglia.
PS;
quando verr├▓ in Germania, spero che possiamo vederci e fare quattro chiacchiere con
una bella "Hefeweizen" tedesca. Ci conto amico mio. 

Carmine
rossano giancarlo   |2009-05-23 20:04:45
complimenti bellissimo video sei grande in cambio di niente dai delle emozioni a tutti grazie
mille
Romeo  - Benevento   |2015-04-18 18:18:50
Bravo Petrungaro, mi hai fatto venire una forte nostalgia del mio paese
complimenti, mi sono
venuti ricordi della mia adolescenza, pasata dai nonni nelle proprietà di un cento
Passavanti.
bravo, buona fortuna.
Commenta
Nome:
Email:
 
Titolo:
UBBCode:
[b] [i] [u] [url] [quote] [code] [img] 
 
 
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
 
Please input the anti-spam code that you can read in the image.

3.25 Copyright (C) 2007 Alain Georgette / Copyright (C) 2006 Frantisek Hliva. All rights reserved."

 
< Prec.   Pros. >
Storia di Campana
storia_di_campana
L'Elefante di Campana
campanaelefante
Vocabolario Campanese
vocabolario_campanese
Arte & Cultura Campanese
Didattica
didattica
La Campana d'Oro
premio_campana_doro
La Banda Musicale
banda_musicale_2
Libri
libri
Premio Web Master
premio_webmaster_campanaelefante