Home  
marted 24 ottobre 2017
Firma il Guestbook
Benvenuti
benvenuti2 bienvenue2 welcome2 willkommen2 bienvenidos2
Menu principale
Home
L'Autore del Portale
Lo Staff Campanaelefante
Collabora anche tu
Contattaci
Guestbook
Avvisi agli utenti
Collegamenti web
Fotogallery
Videogallery
Cerca
Download
Imposta come Homepage
 Aggiungi ai Preferiti
 Imposta come Homepage
Utenti Online
Abbiamo 1 visitatore online

Random Flickr Images
Area Informativa
Comune di Campana (CS)
Asmenetcalabria
 
Articoli più recenti
Ultimi commenti
Random Fotogallery

Centro Storico

Centro Storico

Via Bizantina, Canyon e Fiume Nica

Centro Storico

Campana e il Territorio di Oggi

Centro Storico

Torre dell'Orologio

Via Bizantina, Canyon e Fiume Nica

Campana e il Territorio di Oggi

Campana e il Territorio di Oggi

Via Bizantina, Canyon e Fiume Nica

Campanesi

Incavallicata - L'elefante di Campana

Centro Storico

Campanesi
Archivio Articoli
archivio
Giornali del Sud
giornalidelsud
Tg3 Calabria
telegiornale
Campanaelefante premiato
sito_premiato  
Pubblicità
 newagricalannounce
autoscuola___migliarese
 
lagardenia
conad_campana
Ricette
Il Browser più adatto
Questo  Portale è stato ottimizzato per i browser Firefox e Internet Explorer 7
firefox3
ie7
Your IP
Dein System:

Deine IP: 54.162.105.241
Dein ISP: amazonaws.com
Visitor Stats
Advertisement
Detriti nel letto del fiume Nicà PDF Stampa E-mail
Scritto da Giacinta Smurra   
 Il Comune di Crucoli ha ottenuto un finanziamento regionale di 200 mila Euro “per la tutela ed il risanamento ambientale” della sponda destra di fiume Nicà che separa il centro crotonese da quello di Cariati in provincia di Cosenza. Il progetto preliminare è stato redatto dal tecnico comunale architetto Pietro Panza, mentre quello definitivo dall’ingegnere Antonio Bono. A darne notizia è l’assessore all’Ambiente Domenico Vulcano che ha spiegato: “l’intervento prevede la pulizia, il recupero e lo smaltimento di materiale abbandonato lungo il fiume e rientra nell’opera di bonifica delle aree demaniali prevista dall’Accordo di Programma Quadro.

 

L’area interessata è quella all’altezza delle località Piano Mulino, Piano Lago-Malinconica e Gora accessibile da stradine di campagna. I terreni risultano di tipo pianeggiante e alluvionali molto permeabili”. Si comincia a mettere mano lungo il bacino idrografico di fiume Nicà in una zona dove sono state individuate micro-discariche disseminate lungo la strada sterrata che segue le sponde dell’asta fluviale del fiume Qui, dove non sono stati trovati rifiuti solidi urbani di tipo organico, hanno trovato posto, invece, più o meno nascoste tra il verde e gli sterpi, carcasse di elettrodomestici, rottami elettronici ed elettrici, pezzi di mobili, vecchi  pneumatici, cumuli di materiale inerte proveniente da demolizione e anche carcasse di vecchie auto abbandonate ed eternit. Una realtà presente lungo tutto il greto del fiume fino a raggiungere il mare con la costante esistenza, qua e là, di materiale di risulta misto ad oggetti inservibili di ogni tipo e dimensioni. Una superficie di 4.000 mq per una lunghezza di 1.200 metri, per un volume totale stimato in 2000 mc composta da materiale di scotico superficiale e rifiuti pericolosi e non. Il recupero dell’area consisterà nella rimozione del materiale di rifiuto procedendo fino ad una profondità di circa 50 cm. Una volta selezionati i rifiuti saranno traspostati in discariche autorizzate. La posa di materiale arido consentirà il ripristino delle condizioni originarie della sponda del fiume. In un secondo momento con ulteriori finanziamenti sarà possibile attraverso l’ingegneria naturalistica fruire in modo completo dei luoghi. Urgono dunque ulteriori fondi per ripulire e difendere un paesaggio da decontaminare da ciò che l’uomo produce e non riesce a smaltire o riutilizzare, ma anche dallo sgretolarsi, fin quasi a scomparire, delle vestigia della nostra storia. Sulla sponda sinistra sono quasi invisibili i ruderi della torre di guardia che si ergeva proprio nel punto in cui le acque del Nicà sfociano nello Jonio. Citata dagli studiosi di ieri e di oggi, conosciuta con il nome di “Torre Vecchia” o di “Policaretto”, termine che derivando dal greco significa “molta gratitudine”, la “Torre di fiume Nicà”, sempre dal greco “nikè”, ovvero vittoria, oltre agli effetti delle scorrerie dei pirati turchi ha subito anche quelli prodotti dal trascorrere del tempo e dall’incuria dell’uomo. La Torre è, infatti, attualmente ridotta ad un ammasso di pietre tanto che si stenta a credere, date le dimensioni assunte, che fosse, nel 1500, una delle 102 torri di avvistamento poste lungo le coste della Calabria “Citra” ed “Ultra”.

Giacinta Smurra

Fonte: www.giacintasmurra.it


A cura di Carmine F. Petrungaro
Campanaelefante.com

 

Commenti
Nuovo Cerca
Commenta
Nome:
Email:
 
Titolo:
UBBCode:
[b] [i] [u] [url] [quote] [code] [img] 
 
 
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
 
Please input the anti-spam code that you can read in the image.

3.25 Copyright (C) 2007 Alain Georgette / Copyright (C) 2006 Frantisek Hliva. All rights reserved."

 
< Prec.   Pros. >
Ora e Data
Fuso Orario
I giorni in campanese
Martedì - Marti
Meteo di Campana
Alba e Tramonto
07:2712:5118:16
Comune di Campana (CS)
AC Campana Calcio

 
Campana - Calopezzati 6:0 Dom. 19 marzo 2017. - Ultime due Partite: Fedula Sport E Social - Campana 3:4 Dom. 26 marzo 2017... Campana - Torretta 0:0 Dom. 2 aprile.
 
Fase Lunare
"Crescente (falce)"
La Luna  "Crescente (falce)"
WebCam Camigliatello
webcam
Storia di Campana
storia_di_campana
L'Elefante di Campana
campanaelefante
Vocabolario Campanese
vocabolario_campanese
Fiera della Ronza
Arte & Cultura Campanese
Didattica
didattica
La Campana d'Oro
premio_campana_doro
La Banda Musicale
banda_musicale_2
Libri
libri
Premio Web Master
premio_webmaster_campanaelefante
Amici
lucianobovinaphotographer
luoghi_misteriosi
calabrialogos
giuseppe_lerose
arangara_
salviamocampanaonlus
antonello_tridico
Università della Calabria
Campana (CS) Club