Home  
domenica 22 ottobre 2017
Firma il Guestbook
Benvenuti
benvenuti2 bienvenue2 welcome2 willkommen2 bienvenidos2
Menu principale
Home
L'Autore del Portale
Lo Staff Campanaelefante
Collabora anche tu
Contattaci
Guestbook
Avvisi agli utenti
Collegamenti web
Fotogallery
Videogallery
Cerca
Download
Imposta come Homepage
 Aggiungi ai Preferiti
 Imposta come Homepage
Utenti Online
Abbiamo 3 visitatori online

Random Flickr Images
Area Informativa
Comune di Campana (CS)
Asmenetcalabria
 
Articoli più recenti
Ultimi commenti
Random Fotogallery

Centro Storico

Centro Storico

Via Bizantina, Canyon e Fiume Nica

Centro Storico

Campana e il Territorio di Oggi

Centro Storico

Torre dell'Orologio

Via Bizantina, Canyon e Fiume Nica

Campana e il Territorio di Oggi

Campana e il Territorio di Oggi

Via Bizantina, Canyon e Fiume Nica

Campanesi

Incavallicata - L'elefante di Campana

Centro Storico

Campanesi
Archivio Articoli
archivio
Giornali del Sud
giornalidelsud
Tg3 Calabria
telegiornale
Campanaelefante premiato
sito_premiato  
Pubblicità
 newagricalannounce
autoscuola___migliarese
 
lagardenia
conad_campana
Ricette
Il Browser più adatto
Questo  Portale è stato ottimizzato per i browser Firefox e Internet Explorer 7
firefox3
ie7
Your IP
Dein System:

Deine IP: 54.161.73.123
Dein ISP: amazonaws.com
Visitor Stats
Advertisement
Libri - Il Viaggio della Salvezza
Scritto da Carmine F. Petrungaro   

libriLibri: Il Viaggio della Salvezza - Il nuovo libro di Francesco Cerenzia. Non ricordo alla perfezione quello che stava accadendo, so solo che mia madre si privò dei suoi oggetti più preziosi e di qualche contante, per farci intraprendere quel viaggio. Eravamo mossi dalla speranza di riottenere quello che la guerra ci aveva tolto, la serenità...

 
Il suo volto, quello di mia madre, aveva gli occhi sempre lucidi e l'espressione di chi voleva rassicurare e proteggere i suoi figli da ogni male. Fu costretta a prendere decisioni che non avrebbe mai immaginato... E la sofferenza, seppur ben nascosta, la avvolgeva dalla testa ai piedi. Mio padre invece, si mostrava sempre forte... Anche quando degli uomini armati lo presero con la forza e lo trascinarono via dalle macerie della nostra casa. Ce n'erano ovunque, insieme a persone che correvano con fucili in mano mentre aerei da guerra sorvolavano il cielo e sganciavano ripetutamente bombe. Colpivano tutti! Non risparmiavano nessuno, non conoscevano tregua! Cavolo! quanta rabbia covava il mio animo, una rabbia atipica che un bambino della mia età non dovrebbe neanche conoscere... Avrei voluto urlare a quei piloti:

Ehi! Che cosa fate! Qui c'è la mia casa, la mia stanza, i miei giocattoli preferiti! Perchè distruggete tutto!”

Ma sapevo che loro non potevano sentirmi, non ascoltavano nessuna di quelle urla provenienti dalla mia gente... Ero inorridito e spaventato e mentre le persone a me care scappavano da tutte le parti, osservavo la casa distrutta dei miei vicini chiedendomi che fine avesse fatto il mio amico Jhonas. Poi il buio...

Quando aprii gli occhi ero con mia madre che tutta agitata e spaventata preparava dei borsoni. Gli chiesi dove eravamo diretti e perchè non c'era papà con noi, ma lei taceva... Capii subito che probabilmente non avrei mai più rivisto mio padre e una lacrima intensa mi solcò il viso. Ricordo molto bene quel viaggio... Eravamo un centinaio su quel gommone e molti di loro erano più piccoli di me. Mia madre mi teneva stretto e con uno scialle mi copriva il corpo, gelato. Io guardavo le persone accanto a noi e non sapevo cosa pensare; piangevano, congelavano, cercavano di farsi bastare quel poco pane. Pensavano tutti di farcela, tutti loro volevano toccare terra ancora e rifarsi una vita; la loro era andata in mille pezzi. Pensavo che non potevamo arrenderci, che ce la dovevamo fare ad ogni costo! Io volevo rivedere mia madre sorridere mentre mi mette a letto, mentre mi canta qualche canzone, mentre cucina col sorriso stampato sul volto.

Guardavo l'orizzonte e il mare sembrava infinito, la terra appariva lontana e la mia casa, la mia vita da bambino normale e mio padre erano andati perduti per sempre.

Tuttavia avevo un'arma segreta con me, una forza intensa che scaturiva dallo sguardo di lei, di mia madre. Pensai che dovevo farcela... Per lei!
 
Francesco Cerenzia
6 Gennaio 2016

Segui Francesco sul suo blog, clicca qui: 
 

A cura di Carmine F. Petrungaro
Campanaelefante.com
Commenti
Nuovo Cerca
Commenta
Nome:
Email:
 
Titolo:
UBBCode:
[b] [i] [u] [url] [quote] [code] [img] 
 
 
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
 
Please input the anti-spam code that you can read in the image.

3.25 Copyright (C) 2007 Alain Georgette / Copyright (C) 2006 Frantisek Hliva. All rights reserved."

 
< Prec.   Pros. >
Ora e Data
Fuso Orario
I giorni in campanese
Domenica - Dhuminica
Meteo di Campana
Alba e Tramonto
07:2512:5218:18
Comune di Campana (CS)
AC Campana Calcio

 
Campana - Calopezzati 6:0 Dom. 19 marzo 2017. - Ultime due Partite: Fedula Sport E Social - Campana 3:4 Dom. 26 marzo 2017... Campana - Torretta 0:0 Dom. 2 aprile.
 
Fase Lunare
"Crescente (falce)"
La Luna  "Crescente (falce)"
WebCam Camigliatello
webcam
Storia di Campana
storia_di_campana
L'Elefante di Campana
campanaelefante
Vocabolario Campanese
vocabolario_campanese
Fiera della Ronza
Arte & Cultura Campanese
Didattica
didattica
La Campana d'Oro
premio_campana_doro
La Banda Musicale
banda_musicale_2
Libri
libri
Premio Web Master
premio_webmaster_campanaelefante
Amici
lucianobovinaphotographer
luoghi_misteriosi
calabrialogos
giuseppe_lerose
arangara_
salviamocampanaonlus
antonello_tridico
Università della Calabria
Campana (CS) Club