Home arrow Notizie arrow Ultime arrow La campana nello stemma di sua Eccellenza Vescovo Mons. Luigi Renzo  
sabato 21 ottobre 2017
Firma il Guestbook
Benvenuti
benvenuti2 bienvenue2 welcome2 willkommen2 bienvenidos2
Menu principale
Home
L'Autore del Portale
Lo Staff Campanaelefante
Collabora anche tu
Contattaci
Guestbook
Avvisi agli utenti
Collegamenti web
Fotogallery
Videogallery
Cerca
Download
Utenti - Total Users
1325 Registrati
Utenti Online

Visitor Stats
La campana nello stemma di sua Eccellenza Vescovo Mons. Luigi Renzo Stampa E-mail
Scritto da Petrungaro   
stemma_vescovileCampana, 11 Luglio 2007 - Cari amici, non solo siamo fieri come Campanesi, che Mons. Luigi Renzo sia stato nominato a Vescovo. Ricordandoci che sua Eccellenza è il secondo Vescovo che Campana ha dato alla Chiesa Cattolica, all'Italia, alla Calabria e ai fedeli. Oggi ho avuto notizia certa  che la Campana verrà inserita nello stemma della diocesi di Mileto-Nicotera-Tropea... La stessa Campana della sua terra natia, del suo paesino nello stemma vescovile di sua Eccellenza, Vescovo Mons. Luigi Renzo... 
 
Non c'è altra nobiltà se non quella della fede e quella del ricordo al proprio paese natio e alle proprie origini. Dopo aver ricevuto la notizia dal Sindaco Dott. Manfredi Pasqule e anche dopo avermelo comunicato personalmente sua Eccellenza il Vescovo Mons. Luigi Renzo,  non c'è più dubbio e noi Campanesi possiamo essere infinitamente orgogliosi. Inoltre vi informo che il Vescovo verrà di Domenica, 12 Agosto a visitare Campana, per celebrare la messa, in pomeriggio. In quale chiesa però, non ci è dato sapere.
 
 
Ecco le parole di sua Eccellenza, Vescovo Luigi Renzo sulla sua missione, vocazione e sullo stemma:

MOTTO E STEMMA EPISCOPALE

La Chiesa Italiana è consapevole che per annunciare il Vangelo in un mondo che cambia deve partire dal discernimento dell’oggi, della sua cultura, delle sue tensioni ideali, delle sue speranze. Chiamata ad essere madre e maestra, ma soprattutto “cuore” della città degli uomini, si pone – come deve essere per missione – quale testimone di speranza, segno credibile e visibile del Risorto.

 

La speranza appare più che mai necessaria, ma alla luce dei fatti, potrebbe apparire meta difficile, talora impraticabile e quindi solo utopica. Ma l’utopia deve appartenere alla speranza cristiana e questa deve sapersi opportunamente imporre come pietra d’inciampo ed insieme forza trainante. E’ vero che la speranza non è “del” mondo in quanto – come ricorda Benedetto XVI – “Cristo non è del mondo, come pure i cristiani non devono essere del mondo” (Omelia al Convegno Ecclesiale di Verona), ma è pur vero ed urgente che essa, identificandosi con Cristo Risorto, “è nel mondo e per il mondo” (ivi).

 

La speranza entra nell’intimo dell’uomo ed attraverso di esso nel mondo perché sono di Cristo e di Dio e lo sono realmente nella misura in cui muoiono con Lui e risorgono con Lui alla vita nuova dell’amore. Anzi l’amore, accolto e donato, è l’arma vincente contro ogni delusione ed umana sconfitta.

 

Il motto-programma, pertanto, a cui vorrò ispirare il mio ministero episcopale è In Caritate Spes: solo con l’Amore ci può essere speranza.

Lo stemma

Vuole visualizzare il programma nel contesto esistenziale personale ed ecclesiale.                               

La COLOMBA bianca, simbolo dello Spirito Santo, vuole rappresentare lo spazio infinito in cui celebrare ed incarnare l’Amore seme della Speranza.

La STELLA indica la SS. Madre di Dio, faro sicuro del cammino di cristiano, di sacerdote ed ora di vescovo pastore.
 
Il VANGELO aperto significa la mia adesione all’insegnamento di Cristo e la mia nascita nella fede. La scelta vocazionale sacerdotale qualifica il mio “si” definitivo alla Parola che mi ha cercato, preso e cambiato.
 
Il color “rosso-porpora” è risonanza del Codex Purpureus di Rossano, dove il mio Sacerdozio ha trovato spazio e motivi per esperimentare la Carità pastorale.
 
La CAMPANA richiama il mio paese natale, dove si è radicata la mia umanità, presupposto di una presenza incarnata nel mondo “hic et nunc”.
 
Il tutto inquartato nella CROCE come richiamo permanente sia al vissuto concreto da assumere con “le gioie e le speranze, le tristezze e le angosce degli uomini, dei poveri soprattutto e di tutti coloro che soffrono” (GS, n. 1), sia al gesto del dono totale di Cristo, modello necessario per ogni servizio ecclesiale.
 
 

Per chi non avesse letto l'articolo della nomina a Vescovo di Mons. Luigi Renzo, il 28 Giugno 2007, può leggerlo cliccando sul link sottostante: 

http://www.campanaelefante.com/content/view/256/1/
 

Ci felicitiamo con  sua Eccellenza, il Vescovo Luigi Renzo, la cui nomina, senza vanità riempie tutti i Campanesi di profonda gioia e orgoglio.
 
Ringrazio il Sindaco Dott. Manfredi Pasquale di avermi gentilemente comunicato la buona notizia. 

Carmine F. Petrungaro

Campanaelefante.com 

 

Commenti
Nuovo Cerca
Commenta
Nome:
Email:
 
Titolo:
UBBCode:
[b] [i] [u] [url] [quote] [code] [img] 
 
 
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
 
Please input the anti-spam code that you can read in the image.

3.25 Copyright (C) 2007 Alain Georgette / Copyright (C) 2006 Frantisek Hliva. All rights reserved."

 
< Prec.   Pros. >
Storia di Campana
storia_di_campana
L'Elefante di Campana
campanaelefante
Vocabolario Campanese
vocabolario_campanese
Arte & Cultura Campanese
Didattica
didattica
La Campana d'Oro
premio_campana_doro
La Banda Musicale
banda_musicale_2
Libri
libri
Premio Web Master
premio_webmaster_campanaelefante