Home arrow Notizie arrow Ultime arrow La Calabria e il Risorgimento  
lunedý 11 dicembre 2017
Firma il Guestbook
Benvenuti
benvenuti2 bienvenue2 welcome2 willkommen2 bienvenidos2
Menu principale
Home
L'Autore del Portale
Lo Staff Campanaelefante
Collabora anche tu
Contattaci
Guestbook
Avvisi agli utenti
Collegamenti web
Fotogallery
Videogallery
Cerca
Download
Utenti Online

Visitor Stats
La Calabria e il Risorgimento Stampa E-mail
Scritto da Carmine F. Petrungaro   

umberto_chiarelloLa Calabria e il Risorgimento sottoposti ad un esame di revisione più attento. Nell’agosto appena trascorso è stato pubblicato per i tipi della Grafosud di Rossano il libro “Unità malata d’Italia – Calabria, fatti e misfatti di storia patria”. Autore Umberto Chiarello, calabrese verace, che da quarantacinque anni e passa vive e lavora a Milano, ma sempre in contatto con la terra d’origine e con la comunità che gli ha dato i natali. Un volumetto di 190 pagine, che si snoda tra passato e presente, attraverso un esile filo conduttore ed esamina, partendo dalla illegale occupazione del Regno del Sud da parte dei piemontesi, i fatti riguardanti la Calabria fino alla caduta del governo Berlusconi e al conseguente attuale governo tecnico.  

 
Vengono esaminate le tappe più significative  della storia del Mezzogiorno e in particolare  della Calabria, il mancato decollo economico, la ‘conquista’, l’opera rapinatrice dei piemontesi, il terrore della ‘Legge Pica’, la reazione brigantesca, ‘la cavalcata’ di Garibaldi attraverso la penisola calabrese fino a Napoli e il ruolo dei ‘picciotti’  siciliani e  dei baroni  meridionali per la riuscita dell’impresa dell’ “Eroe dei Due Mondi”, nonché degli ‘effetti collaterali’ (Bronte e Casalduni) e il tradimento dei generali dell’esercito napoletano. Viene inoltre confutata la ‘retorica misticheggiante’ del Risorgimento, che  i testi di storia in circolazione descrivono come opera di tutto un popolo;  e la rivolta di Reggio Calabria, fatta passare come rivolta ‘fascista’ e che invece è stata la rivolta di  una intera città, promossa dai centri  di potere locale , i valvassori e valvassini del partito di maggioranza relativa, la democrazia cristiana  allora imperante, e dei suoi  satelliti e con il nefasto ruolo de ‘il Gatto e la Volpe’, al secolo Riccardo Misasi e Giacomo Mancini. Rivolta poi tacitata con il famoso “pacco” del presidente del Consiglio di allora ,Emilio Colombo.

E ancora: la ‘Cassa per il Mezzogiorno’, che ha comportato un enorme dispendio di risorse e risultati discutibili; il ruolo dei ‘media’ del Nord che con i suoi gazzettieri,  veri o falsi intellettuali, che hanno remato contro ogni qual volta si prospettava un timido inizio di sviluppo della Calabria e la stupefacente opera degli  “ecologisti in servizio permanente effettivo” sempre contrari a prescindere”. Poi il  triste capitolo dell’emigrazione,  la ‘ndrangheta , che da tempo ha superato i confini della regione, la mancanza di infrastrutture, gli economisti d’accatto, la piaga della sanità e l’esodo verso le strutture sanitarie del Centro Nord , per finire all’attuale governo che con il ministro Passera annuncia improbabili investimenti : “oltre cento miliardi che lo Stato è pronto ad investire nel Mezzogiorno”. Per dimostrare inoltre l’inarrestabile esodo dei calabresi dal 1961 al 2010 , sono state analizzate 118 comunità, in particolare delle zone di collina e di montagna, le più penalizzate  in termini di trend demografico, di natalità e mortalità e per il bassissimo reddito pro-capite. Insomma il territorio calabrese, al di là di ogni retorica, si sta trasformando in una “riserva indiana”. Nell’ultima parte della ricerca alcune ‘perle’ di vita meridionale e qualche contributo di emeriti meridionalisti  illustrano  la penosa realtà di una Calabria abbandonata nelle mani della ‘ndrangheta e  di politici di alto e basso livello di dubbia moralità .

Alla fine l’amico Umberto Chiarello chiarisce con una precisazione: “La ricerca non vuole essere una critica antiunitaria, né costituire  ed avallare il tanto demonizzato rigurgito borbonizzante’, che, secondo alcuni maestri del pensiero nostrano mettono in serio pericolo l’Unità d’Italia, ma una ulteriore denuncia di una situazione insostenibile, alla quale lo Stato centrale pare non voglia porre rimedio, a cominciare dalle infrastrutture, che rappresentano il problema più urgente e condizione primaria per il rilancio dell’economia calabrese”.

Chi volesse contattare l’autore può farlo via l’e-mail: uchiarelloibero.it, cell. 3555905258-3773013320. fax 02.394.36.082.  Il  prezzo di copertina è di 15 euro e il libro può essere ordinato direttamente dall’autore.
 
A cura di Carmine F. Petrungaro
Campanaelefante.com
 

 
Commenti
Nuovo Cerca
Commenta
Nome:
Email:
 
Titolo:
UBBCode:
[b] [i] [u] [url] [quote] [code] [img] 
 
 
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
 
Please input the anti-spam code that you can read in the image.

3.25 Copyright (C) 2007 Alain Georgette / Copyright (C) 2006 Frantisek Hliva. All rights reserved."

 
< Prec.   Pros. >
Storia di Campana
storia_di_campana
L'Elefante di Campana
campanaelefante
Vocabolario Campanese
vocabolario_campanese
Arte & Cultura Campanese
Didattica
didattica
La Campana d'Oro
premio_campana_doro
La Banda Musicale
banda_musicale_2
Libri
libri
Premio Web Master
premio_webmaster_campanaelefante