Canti Popolari e Musica Etnica
Scritto da Carmine Filippo Petrungaro   
Canti Popolari e Musica Etnica
 
 Cari amici, apriamo questa nuova rubrica, dedicata ai canti popolari e alla musica etnica della Calabria e del Sud Italia, detta anche "folk". Dopo la raccolta “Alte Volkslieder” di Johann Gottfried Herder alla fine del’ 700, il termine di canto popolare “Volk” che in Tedesco significa popolo, diventò la denominazione internazionale collettiva “Folk” per i canti trasmessi oralmente di generazione in generazione. Canti sacri e religiosi a strofe strutturate, canti e narrazioni orali che parlano di imprese eroiche, di vita, di pianto, di amore, di sofferenze o di  usi e costumi, canti inerenti alle professioni e ai mestieri, come pure i canti patriottici...
 
A parte numerosi canti sacri e religiosi, come pure alcune formule magiche, ballate, canti di veglie notturne, nenie e canzoni per bambini, vi sono gridi di gioia, richiami per gli animali e richiami di pastori e i “canti eh dhi vaccari e crapari”. Sia il canto sia la musica popolare regionale sono cantati di regola in dialetto locale e sono legati a una comunità linguistica, cultura, etnia e alla sua identità. In Calabria come in tutto il Sud Italia, la musica tradizionale e i canti popolari hanno ancora un ruolo importante e un vasto seguito. Negli ultimi anni l’interesse è  cresciuto anche nei più giovani, che di solito si sentono legati agli stili di musica più moderni, come il rock e il rap. Con musica e canti popolari o “folk”, termine germanico che deriva dal Tedesco “Volk”, che significa letteralmente “popolo”, cioè  “musica e canti del popolo”, si indicano quel genere di musica che affonda le proprie radici nelle tradizioni di un determinato gruppo etnico e popolo.
 
 Si presume che questo fenomeno culturale, se così possiamo chiamarlo, sia nato insieme alla civiltà umana e con essa è stato plasmato nel corso dei millenni, dato che ha interessato tutti gli strati sociali del popolo. Probabilmente si voleva  trasmettere con i primi canti popolari la storia del popolo, quando agli inizi delle prime civiltà non era stata inventata una forma di scrittura. Quindi era necessario cantarli, in modo che anche le generazioni posteriori venissero a conoscenza della storia del proprio popolo o gruppo etnico. Era una trasmissione orale del contenuto simbolico e di valori emozionali e culturali. Man mano che si plasmavano questi canti, furono aggiunti i primi rudimentali strumenti musicali. Oggi, i canti arcaici o popolari che vengono intonati anche a Campana, si distinguono molto da quelli del resto della Calabria. Non si tratta solo di differenze nell’accento e qualche termine specifico autoctono, bensì di un ricco patrimonio di musica e canti popolari arcaici, molto differenziati nella lingua, a seconda della provincia da cui provengono. Ciò è dovuto alla presenza delle varie popolazioni che hanno lasciato le loro impronte nelle aree, nelle quali si stabilirono, ricordandoci dei Greci, Romani, Arabi, Normanni, Aragonesi, Francesi e Albanesi (Arberesh). Non è escluso che qualche canto arcaico sia giunto fino a noi anche dai Bruzi, le cui radici si perdono nei labirinti di un tempo antico e remoto. Inoltre, dai mercenari bizantini, come i Proto-Bulgari, Avari, Armeni, Siriani e Variaghi, che provenivano da tutte le province dell’impero e che furono trasferiti in Calabria con le loro famiglie durante i 500 anni di dominio bizantino. Da queste popolazioni, che praticavano lo sciamanesimo, derivano  probabilmente i canti orali come pure alcune formule magiche, oggi ancora usati in forma cristiana dalle donne anziane di Campana per i riti del malocchio (u fascinu e llu conthr’affascinu), ai quali molti Campanesi si sono sottoposti, senza volerlo ammettere ovviamente. Ma ritorniamo al tema vero e proprio… La musica e i canti popolari sono legati agli strumenti musicali con cui vengono eseguiti e ai i balli che li caratterizzano. In Calabria, gli strumenti che fanno da padrone, sono la fisarmonica, la cornamuse, la chitarra, i tamburelli e il flauto. Per quanto riguarda i balli, parliamo di tarantella e pizzica.  Sicuramente la musica proveniente dal popolo ha sempre attirato una particolare attenzione ed interesse da parte degli appassionati e autori di musica etnica. Qui non posso fare a meno che citare come migliore esempio, gli amici campanesi e calabresi di Calabria Logos, che hanno pubblicato da un anno il nuovo Album “Ancora Sud” e gli amici di Arangara con l’ultimo album “Arangara”. Due capolavori nati dalla cultura e dai canti del popolo calabrese. La musica e i canti popolari sono spesso concepiti in modo da poter essere suonati non solo da musicisti esperti, bensì  cantati da persone anche non esperte, che nella maggior parte dei casi, si esprimono allegramente e a volte coraggiosamente con un buon bicchiere, in momenti di aggregazione sociale come feste, sagre, o celebrazioni religiose.
 
Sebbene alla musica di più antica tradizione, viene riconosciuta una maggiore dignità musicale, oggi purtroppo la musica e i canti popolari non sono ancora diffusi nei canali della grande distribuzione e nei Mass Media più noti e, per questo motivo difficilmente hanno visibilità al di fuori delle feste e sagre del paese o del proprio quartiere. L’eccezione è invece la canzone popolare napoletana, della pizzica e della tarantella, che hanno riscosso un grande successo mondiale, e hanno avvicinato altre regioni italiane ed internazionali alla riscoperta delle più antiche tradizioni musicali popolari e culturali dell’intero Sud Italia. Nell'intento di riscoprire l'autenticità dei ritmi calabresi e delle musiche del passato, si è sviluppata nei decenni una tendenza a conservare i canti popolari, e in genere la musica popolare, valorizzandone le loro implicazioni ideologiche patriottico-regionali.
 

Canti Popolari - Testi
 

Calabrisella mia  (definito l'inno nazionale della Calabria)

Mamma nun mi mannati all'acqua sula:
lu ventu mi valau la tuvagliola
lu ventu mi valau la tuvagliola
e lu quattraru mi vulia vasari.

Calabrisella mia,
facimmu ammore.
Trallallalleru llalleru llallà
sta calabrisella muriri mi fa.

Ti vitti a la jumara cchi lavavi,
Calabrisella mia ccu stocchi scuri,
e mentu alla sipala i panni ampravi
iu t'arrubai lu megghiu maccaturi.

Calabrisella mia,
facimmu ammore.
Trallallalleru llalleru llallà
sta calabrisella muriri mi fa.

Quannu a studiari ivi a la citati,
non vitti a nudda bedda com'a tia:
Pensai ccu pena a s'occhi innamurati,
e 'nta su muccaturi iu ti cincia.

Calabrisella mia,
facimmu ammore.
Trallallalleru llalleru llallà
sta calabrisella muriri mi fa.

Tutta sudata di l'acqua venia.
Nci dissi: Dunami n'ndi na schizzella.
Acqua non si ndi dune pi la via;
Stasira venitti ndi a la 'ni cella.

Calabrisella mia,
facimmu ammore.
Trallallalleru llalleru llallà
sta calabrisella muriri mi fa.

Ora ca di la Sviza su turnatu
mi guardi e mi saluti malantrina:
dariasi tuttu lu me sparambiatu,
bedda, p'aviri a tia sempre vicina.

Prima m'a dittu si e mo' nun voia:
dimmi di chi ti spagni bedda mia,
ca si ti spagni da famiglia toia,
'mbrazza ta strigne e nun ti lassu chiuia.


Brigante

Amu pusatu chitarre e tamburi
pecchjì sta musica s’adde cangià
simu brigant’ e facimu paura
e ccu a scuppetta volimu luttà

Tutti i paisi er’a Basilicata
si su scitati e vonu luttà
pur’ a Calabria mo s’è arrivutata
e stu nemicu facimu tremà

E mu cantamu sta nova canzone
tuta la gente si ll’adde ‘mparà
nun ci ne futte d’u re d’i burbuni
sta terra nostra nun s’adde toccà
sta terra è nostra e nun s’adda toccà

Chi ha vistu u lupu s’è misu paura
nun sa però qual è a verità
lu veru lupu chi mangi’ u criaturu
è ‘u piamuntese e l’avim’ e caccià

Fimmine belle vi vatte lu core
si lu brigante vuliti sarvà
un ci cercati scordatevi u nome
chi vò fa guerra ‘un tena pietà

Omminu si nasce e brigante si more
Ma fin’all’ultim’avim’ e luttà
E si morimu chjantati nu juru
È na bestemmia chista libertà


U zappaturu

Veni maritu meu lassa ssa zappa
Ch’ e priparatu nu piattu di pasta

Assettite a sta seggia gioia mia
E mangite pe menza pur’a mia

Sta tavulilla è bella e priparata
E mu ti mangi pur’a suppressata

E ti ci vivi nu biccher’ e vinu
E poi ti veni curca a mia vicinu

Veni maritu meu veni allu lettu
Ca c’iaju misu le linzole nette

Ci l’aiju mise pe ti riposare
Ci l’aju mise pe ti ricriare

Veni maritu meu chjù u famm’ aspettare
Veni maritu meu u famm’aspettare


Lu venniri santu

Lu venniri di marzu* nun si cante
ch’è mortu Gesu Cristu ’mpassione
har abboscatu na botta di lancia
alla parte sinistra de lu core

Curra Maria e mindite lu mandu
ca li Iurei hannu fattu trarimentu
l’hannu portatu allu siburcru santu
accumpagnatu de lu sacramentu

Maria quannu sentìe chilla novella
scure lu munnu lu cielu e la terra
scure lu munnu lu cielu e la terra
scure Maria ch’ere la chjù bella.


Ièsu sonannu li trentatrè ure

Ièsu sonannu le trentatrè ure
Ièsu si licenzie della sua matre
Dicennu matre mia vaju a patire
Vaju a pijiare morte e passione

Prima e mi mindire a patire
Io dire ti volìe due parole
Mamma nu mmi ciangire la matina
Nemmenu mi sonare le campane

Giuvanni tu mi si lu chjù fidele
La matre mia ti sia raccummannata
Se prima de la cruce un su sciotavu


A Spuntunera

‘Nnanzi ‘ssa ruga c’è ‘na spuntunera
jettari cci lavuogliu ‘na canzona;
ca c’è na donna cuomu ‘na bannera
chi la governa lu suli e la luna.
Quannu se curca nu’ ci vo’ lo mera
Ca ccu’ li carni sua s’allustra sula.
Tantu ch’è bella ‘saa figlia e massaru
Tantu ch’è bella ch’è n’aquila r’uoru.
Quannu si minta ‘ntra chillu tilaru
Fa ijura la navetta comu ‘nu truanu.
Amara io ca signu puru e lutanu
Sientu la navettella e triemu e moru.
Affaccia bella mia re ‘ssa finestra
Jettami ‘nu garonfalu e ‘ssa grasta;
si mi lu jetti io me trovu lestu
pi nu’ cariri ‘nterra e pua se guasta.
Ca mi lustipu pe’ la meglia festa
Garonfalu d’amure e tantu abbasta
A bona notti ta rugnu cantannu
E ti salutu a tia parma d’argentu;
statti bona giojuzza io mi ndi vaju
addio quannu fa jomu pemmu te viju.


Mattunaru  (Abballati abballati) ...in calabro-siculo

mattunaru mattunaru
ancortu cu nu scasci lu mattunatu,
pe lli peti pe lli peti
ancortu cu nu scasci puru lli peti,

e ballati abballati fimmine beddre e maritati
se nu ballati bonu nu bbe cantu e nu bbe sonu
se nu ballati pulitu nu bbu cantu e nu bbu ticu,
sciù sciù sciù quante femmane nci su
sciù sciù sciù quante femmane nci su

donna te coppe mia donna te coppe
donna te coppe mia donna te coppe
scrivi lu nome miu supra le carte,

e se nu lu scrivi bonu nu te cantu e nu te sonu
se nu lu scrivi pulitu nu tu cantu e nu tu ticu,
sciù sciù sciù quante femmane nci su
sciù sciù sciù quante femmane nci su

ancorta cu nu passi te la chiazza
ancorta cu nu passi te la chiazza
ca se te vite u tiaulu se mpaura
e ca se te vite u tiaulu e se mpaura,

ca se te vite bona nu te canta e nu te sona
ca se te vite pulita nu te canta e nu te tica,
sciù sciù sciù quante femmane nci su
sciù sciù sciù quante femmane nci su

magari ca te mini acqua alla facce
magari ca te mini acqua alla facce
ca tie si propriu niura pe natura
e ca tie si propriu niura pe natura,

e ca se te llavi bona nu te canta e nu te sona
ca se te llavi pulita nu te canta e nu te tica,
sciù sciù sciù quante femmane nci su
sciù sciù sciù quante femmane nci su


A palummella russa

'A palummella russa
m' ha muzzicatu a' ru mussu.
'A palummella russa
m' ha muzzicatu a' ru mussu.

Ed ohine',si mi vu' bene...
E ru mussu nun mi lu tuccare,
mannaia all' aria di mammata'.
E ru mussu nun mi lu toccare,
mannaia all' aria di mammata.

'A palummella janca
m'ha muzzicatu a 'ra gamma.
'A palummella janca
m'ha muzzicatu a 'ra gamma.

Ed ohine',si mi vu'bene...
e ra gamma nun mi la tuccare
mannaia all'aria di mammata'.
Ed ohine',si mi vu'bene...
e ra gamma nun mi la tuccare
mannaia all'aria di mammata'.

'A palummella d'oru
m'ha muzzicatu a ru' core.
'A palummella d' oru
m'ha muzzicatu a ru' core.

Ed ohine',si mi vu bene...
e ru core nun mi lu tuccare
mannaia all' aria di mammata'.
Ed ohine',si mi vu bene...
e ru core nun mi lu tuccare
mannaia all' aria di mammata'.


Maria e Giovanni

All'undici uri tutti si partiru,

pìcciuli e randi tutti andaru,

tricentusessantasei cumpagni jiru,

a Gesù Cristu all'ortu l'attaccaru.

E lu ligaru forti e lu spogghiaru nudu,

cu' 'na corda di pilu lu ligaru;

poi alla santa culonna l'attaccaru

e milli schiaffi 'n facci 'nci minaru.

E la Madonna chi di fora stava

oh chi facci piatusa chi facìa!

'Nc'era San Gianni chi la cunsulava:

- Stàtivi ccittu, o Matri mia, Maria!

- O Giuvanni, Giuvanni,

comu pozzu stari nommu piangiu?

Ch'haju persu il Figlio mio, 'ndittu 'nfattu:

a manu di li Giudei fu spattu tuttu!

O tutta genti, ciangimu a 'nu corpu

ca Gesù è misu a lu Santu Sepolcru,

e fudi misu pe' 'na cosa 'ntortu:

o tutta genti, ciangimu a 'nu corpu!


Strina Itinerante (Strenna)

‘A Strina
‘‘U tempu de la strina è venutu
a nume ‘e tutti quanti ve salutu.
        Amici mia salutu a tutti quanti
        ‘a strina nostra va de mo ‘n’avanti.
Senz’essere chiamati simu venuti
alli patruni e via li bon truvati.
        U’ d’è vrigogna si cantamu ‘a strina
        cci l’ha lassata lu nostru Segnure.
Stu palazzellu lu giramu ‘ntornu
bene cce trasa de tuttu lu munnu.
        Stu palazzellu sta ‘mpacce alla luna
        chi Diu ve manni ‘na bona furtuna.
‘A strina porta pace ad ogni rasa
 trasissi la furtuna dintra sta casa.
      ‘A strina porta sempre luce granne
        trasissi la furtuna ’e tutte ’e banne
Palazzu ‘ntorniatu de biccheri
dintra cce st’annu granni cavaleri.
        Pozziti fare tantu de la sita
        quantu ne ‘mbarca Napuli e Gaita.
Pozziti fare tantu ogliu e mustu
quantu curra Savutu ‘u mise ‘e Agustu.
        Ohi c’ha fattu ‘a nive alla muntagna
chi Diu te guardi sta bona cumpagna.
        Ohi c’ha fattu ‘a nive allu Caritu
        chi Diu te guardi stu bonu maritu.
Dintra sta casa d’oru ‘nu bastune
a llu patrune ‘u via ‘nu gran barune.
        Dintra sta casa cc’è nata ‘na rosa
        cent’anni se vo godare la sposa.
Dintra sta casa d’oru ‘na pernice
a Cuncetta a via n’imperatrice.
        Dintra sta casa d’oru ‘nu sazeri
        a Michele ‘u via ‘nu cavaleri.
Dintra sta casa d’oru ‘na catina
a Peppinella a via ‘na regina.
        Dintra sta casa cce penna ‘na cipressa
        a Filumena a via ‘na principessa.
Dintra sta casa cce penna ‘nu catu
a Tumasi ‘u via n’avucatu.
        Haju cantatu a ‘na corda d’azzaru
        chi a ’Ntoni ‘u via ‘nu nutaru.
Dintra sta casa cce penna ‘nu panaru
a Totonnellu ‘u via ‘nu sacristanu.
        Cantu la strina senza fare errure
        a Michele ‘u via ‘nu dutture.
Du piccirillu n’eramu scurdati
patrune ‘u via de tricentu stati.
        Chi Diu ve manni tanti boni anni
        quantu allu munnu se spannanu panni.
Chi Diu ve manni tanti boni misi
quantu allu munnu cc’è sordi e surrisi.
        Chi Diu ve manni tanti boni jurni
        quantu allu munnu cc’è porte e cunturni.
Chi Diu ve manni tante bone sire
quantu allu munnu cc’’ ardu cannile.
        Chi Diu ve manni tanti boni mumenti
        quantu allu munnu cc’è vacche e jumenti.
Chi Diu ve manni tante bone feste
quantu allu munnu cc’è porte e finestre.
        Pozziti fare tantu de lu vinu
        quantu curra Savutu e Cannavinu.
Pozziti fare tantu de lu granu
quantu ne fa Cusenza ccu Ruglianu.
        Haju cantatu propriu cumu n’orcu
        chi te st’avissi bonu puru ‘u porcu.
‘U ve spagnati ca ‘u’ vulimu nente
cantamu ‘a strina a tutta chista gente.
        Nue simu tutti amici de core
        cantamu ‘a strina suu ppe tradizione.
Dintra sta casa arda ‘na lumera
è ura chi appiccichi ‘a vrasciera.
        Dintra sta casa cce penna ‘nu collaru
        chista è sirata de focularu.
Fore chiova e l’acqua ‘u’ la sa jettare
pripara ‘u furnu e nun te preoccupare.
        ‘A strina porta sempre granne luce
        pripara ancuna cosa e fatte ‘a cruce
Cantu la strina e la cantu sana sana
criu ca vena mo’ ‘a quadara.
        Aju cantatu chi me doa lu collu
        fanne pruvare ‘u vostru capeccollu.
Cantamu ‘a strina supra ‘a chinettella
fanne pruvare mo ‘a coriella.
        Mo chi avimu fattu sta bella cantata
        fanne pruvare puru ‘a supressata.
‘A strina porta sempre cuntentizza
te raccumannu puru la sazizza.
        Sentu lu strusciu de la tinella
        criu ca vena mo’ ‘a panzarella
Fanne la strina e falla de prisuttu
si ’un teni lu curtellu ‘nu dù tuttu.
        Ohi ca ha fattu ’a nive allu ponte ‘e Moa
        fanne pruvare puru la vrascioa.
Mo ca simu tutti a panza china
fanne pruvare puru ‘a petturina.
        Ca nue cantamu fina alla matina
        si primu nun manciamu e nun vivimu.
‘Mmenzu sta casa cce penna ‘nu spitu
è ura de aperire e statte citu.
        Apera ‘a porta prestu e nun tardare
        ca de lu friddu fore ‘un se po’ stare.
Ohi Franciscu miu si si de core
apera ‘a porta ‘un ne fa sta cchiù fore.
        Canta lu gallu e scotula le pinne
        damu la bonisira e trasimu dintra.

 


A cura di Carmine Petrungaro
 
Campanaelefante.com

Calabria Logos - Video "Arbiru"


Arangara - Video "U Pappù"


Vai pure alle seguenti pagine...  

 

clicca_sul_link "Canti calabresi - Notte Santa"
 
clicca_sul_link "Strina Itinerante e Pizzica" -  con gli amici di Calabria Logos




Se sei registrato fai il Login e commenta l'articolo nel riquadro sottostante


Commenti
Nuovo Cerca
Don Luigi Renzo  - Siete straordinari   |2008-06-02 12:52:09
Auguri e grazie a tutto il team. Siete straordinari. Coraggio e sempre avanti.
Un abbraccio a
tutti.
don Luigi
Commenta
Nome:
Email:
 
Titolo:
UBBCode:
[b] [i] [u] [url] [quote] [code] [img] 
 
 
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
 
Please input the anti-spam code that you can read in the image.

3.25 Copyright (C) 2007 Alain Georgette / Copyright (C) 2006 Frantisek Hliva. All rights reserved."