Home  
mercoledì 22 settembre 2021
Firma il Guestbook
Benvenuti
benvenuti2 bienvenue2 welcome2 willkommen2 bienvenidos2
 
Youtube: Nuovo video sul canale di Carmine F. Petrungaro. "Tra Campana e Scala Coeli", documentario | storia. Buona visione
 
Menu principale
Home
L'Autore del Portale
Lo Staff Campanaelefante
Collabora anche tu
Contattaci
Guestbook
Avvisi agli utenti
Collegamenti web
Fotogallery
Videogallery
Cerca
Download
Utenti Online

Random Fotogallery

Campanesi

Impianti fotovoltaici

Campana e il Territorio di Oggi

Campana e il Territorio di Oggi

Campana e il Territorio di Oggi

Campana e il Territorio di Oggi

Campana e il Territorio di Oggi

Incavallicata - L'elefante di Campana

La Santa Pasqua

La Santa Pasqua

Via Bizantina, Canyon e Fiume Nica

Campana e il Territorio di Oggi

Campana e il Territorio di Oggi

Centro Storico

Incavallicata - L'elefante di Campana
Area Informativa
Comune di Campana (CS)
Asmenetcalabria
 
Fiera della Ronza
Articoli più recenti
Ultimi commenti
La Campana d'Oro
premio_campana_doro
Premio Web Master
premio_webmaster_campanaelefante
Archivio Articoli
archivio
Giornali del Sud
giornalidelsud 
Tg3 Calabria
telegiornale
Your IP
Dein System:

Deine IP: 3.230.144.31
Dein ISP: amazonaws.com
Advertisement
Video - Camminata alle Grotte di Guardia E-mail
Scritto da Carmine F. Petrungaro   
domenica 14 gennaio 2018
Video - Camminata alle Grotte di Guardia - Una giornata con zio Gabriele Rossano. Con questo filmato andremo alla scoperta di un complesso di grotte, dette “Grotte di Guardia”, nel territorio di Campana, nella Sila Greca. In questa escursione mi accompagna zio Gabriele. È dicembre, ma il cielo è sereno e così ci avviamo sulla provinciale 255. Lasciamo il bivio per Caloveto alla nostra destra proseguiamo per Bocchigliero. Dopo esser passati sotto la grande roccia detta “Mazza del Diavolo”, accostiamo in una grande curva a gomito. Lasciamo l’auto lì e iniziamo il nostro cammino su una vecchia mulattiera, nascosta tra la vegetazione. Il terreno è impervio. Zio Gabriele indica il percorso da fare, procedendo a colpi di falce tra arbusti molto fitti. Davanti a noi si erge il crinale roccioso di Guardia.

 
 
Decidiamo di risalirlo, attraversando la boscaglia più fitta e la parte più ripida per accorciare il nostro percorso. Da lassù si può scorgere tutta la vallata del torrente Laurenzana. Si vedono Bocchigliero e il vallone di contrada Basilicò. Proseguiamo su un sentiero che pian piano si assottiglia, fino a scomparire del tutto tra sterpaglie, rovi e boschi di querce. Mentre zio Gabriele avanza a colpi di falce, mi racconta la sua vita, i tempi della sua infanzia, della sua giovinezza. I tempi in cui dormiva nelle grotte, presso le quali ci stiamo recando. In quei luoghi, più di mezzo secolo fa, doveva accudire gli animali e occuparsi della coltivazione delle patate. Zio Gabriele prosegue raccontandomi storie di briganti e il motivo perché le grotte vengono chiamate “di Guardia”. I suoi bisnonni raccontavano che i briganti stessero là di vedetta, perché potessero controllare tutta la vallata da quella posizione e avvistare eventuali movimenti sospetti. Inoltrandoci nella boscaglia, ci vediamo sempre di più accerchiati da una fitta vegetazione. Restiamo impigliati e si procede a schiaffeggiate di ramoscelli. Sentiamo i latrati di cani da caccia. Zio Gabriele si ferma di colpo, indicando con la falce le grotte. Siamo quasi arrivati. Provo a focalizzare ciò che vedo e resto senza parole. Lo spettacolo che si presenta davanti ai nostri occhi, con il suo fascino misterioso è grandioso. Un complesso di grotte scavate nell’arenaria. Sembrano essere molto antiche. Due sono state murate con pietre e mattoni. Quella che fungeva da granaio, ha una porta di legno, alla quale si accedeva con l’ausilio di una scala di legno. Alcune delle grotte hanno una larghezza e una profondità davvero notevole e sono scavate con grandissima cura. Altre sono abitate dai pipistrelli. Alcune delle pareti sono state annerite dai focolai di tanti secoli trascorsi. Il fumo ha depositato una patina di fuliggine. Chissà quanta gente è passata di qua. I miei pensieri si accavallano. Si apre il velo del tempo. Alla vista di quelle abitazioni arcaiche, mi chiedo chi mai potrebbe averle scavate. Chi erano? Perché proprio qui? Quali segreti custodiscono quelle grotte? Posso fare solo delle supposizioni. Gli studiosi e gli storici parlano di abitanti del Neolitico, di guerrieri-pastori enotri e bruzi, di profughi fuggiti dalle invasioni arabe, di monaci bizantini, di eremiti che praticavano l’ascetismo e di contadini e briganti. Una lunga serie di gente che ha vissuto qui. Queste grotte erano un insediamento stabile. Oggi le loro uniche tracce sono i segni di scalfittura e la patina di fuliggine sulle pareti. Mi muovo e vado alla scoperta dei loro segreti. Riesco a distinguere gli spazi usati come abitazioni per l’uomo, i granai, i magazzini e le stalle. Zio Gabriele dice che i fori tondi sulle pareti, servivano per fissarvi le staccionate. In questo caso si tratterrebbe di stalle. Vado catturando immagini e osservo da vicino. Alcune delle grotte sono intercomunicanti. Zio Gabriele continua a raccontarmi di come ai suoi tempi ci si arrangiava in quelle arcaiche abitazioni, poi in silenzio, continua a fissare l’orizzonte. Nei suoi occhi vedo malinconia per il correre del tempo. Mi racconta che si dormiva su giacigli di fortuna, fatti di frasche e paglia. Un pezzo di legno fungeva da cuscino. È giunta l’ora di tornare a casa e zio Gabriele si avvia con il suo bastone e la falce in mano. Io lo seguo in silenzio, con la mia telecamera.
 
Carmine F. Petrungaro


 
 

 

Commenti
Nuovo Cerca
azzurra   |2018-01-14 19:16:35
:eek bellissimo, mi piacerebbe visitarle.
Concetta Urso Milizia   |2018-01-27 14:40:56
io non mi stancherei mai di guardare e riguardara tutti i video del signor
carmine!!!!!!!
Emilia Branca   |2018-01-27 14:41:58
Complimenti è un video straordinario!
Carlo Grillo   |2018-01-27 14:43:07
Ancora un video bello, prezioso per la comunità campanese e non solo. Un
autentico documento, un importante tassello del grosso patrimonio di cultura
popolare. Esempio di vita campestre ormai passata ma sempre viva nei ricordi.
Che serva di insegnamento (e di riflessione) per le nuove generazioni.
Complimenti ancora Amico Carmine
Domenico Affatato   |2018-01-27 14:44:28
Bellissimo luogo visitato circa 8 anni fa,però non sapevo della sorgente
d"acqua,complimenti a te Carmine Petrungaro per la divulgazione di questi
luoghi fantastici.
Commenta
Nome:
Email:
 
Titolo:
 
:angry::0:confused::cheer:B):evil::silly::dry::lol::kiss::D:pinch:
:(:shock::X:side::):P:unsure::woohoo::huh::whistle:;):s
:!::?::idea::arrow:
 
Please input the anti-spam code that you can read in the image.

3.25 Copyright (C) 2007 Alain Georgette / Copyright (C) 2006 Frantisek Hliva. All rights reserved."

 
< Prec.   Pros. >
Fuso Orario
I giorni in campanese
Mercoledì - Miercuri
Alba e Tramonto
06:5513:0019:04
Comune di Campana (CS)
L'Elefante di Campana
campanaelefante
Storia di Campana
storia_di_campana
Vocabolario Campanese
vocabolario_campanese
Arte & Cultura Campanese
Didattica
didattica
La Banda Musicale
banda_musicale_2
Libri
libri
Amici
lucianobovinaphotographer
luoghi_misteriosi
calabrialogos
giuseppe_lerose
arangara_
salviamocampanaonlus
Pubblicità
lagardenia
conad_campana